pane in Italia

Una breve storia del pane

  • Peter Pan. Storie animate. Ediz. a colori
  • 365 giorni di storie belle e brevi da leggere o ascoltare al calduccio, sotto le coperte. Ediz. illustrata
  • Peter Pan di James Barrie
  • Favole di Esopo per i piccini. Racconti per i piccini. Ediz. illustrata
  • Guazzabuglio: Storie Brevi
  • 365 storie della buonanotte. Ediz. a colori
  • Petali nel fango

Sicuramente il pane fa parte della storia dell’uomo e oggi fa parte della nostra vita quotidiana. Tutti noi mangiamo un po’ di pane ogni giorno, questo alimento fa parte della storia dell’uomo e non a caso vanta una storia antichissima…. Inoltre è anche protagonista di alcune rappresentazioni artiche non da poco… Insomma il pane ha vissuto, vive e vivrà con noi. Leggete quest’articolo per capire meglio che cosa intendo!

Fonte: macchina-per-pane.info

La Mesopotamia e l’Egitto

Sicuramente sappiamo che prime evidenze storiche che testimoniano la produzione di pane non lievitato risalgono a diecimila anni fa, ma fu nel settemila avanti Cristo che gli abitanti della Mesopotamia iniziarono ad utilizzare delle pietre per ricavare la farina dal frumento, impastarla con un po’ d’acqua e metterla in forno.
Inoltre un’altra importante scoperta archeologica consiste nel ritrovamento di pane in alcune tombe a Tebe, in Egitto. Sappiamo che proprio in Egitto, circa quattromilacinquecento anni fa, si scoprì la lievitazione.

Nell’antica Roma

pane nell'antica roma

Nell’antico Egitto il pane era destinato soprattutto alle classi meno fortunate, in quanto la produzione di quest’alimento era piuttosto economica e semplice.
Invece nell’antica Roma i panettieri godevano di notevole prestigio: effettivamente dovete sapere che la panificazione assunse un’importanza pressoché mistica – non a caso all’interno di molti templi si trovava un forno per la produzione del pane.

Il pane nel Medioevo

Durante l’Alto Medioevo (dal crollo dell’impero romano d’occidente all’anno Mille circa) non era facilissimo trovare la farina necessaria per il pane in quanto molti campi di frumento furono abbandonati a causa delle invasioni barbariche e delle guerre conseguenti. In realtà l’ordine tornò lentamente, ma sicuramente. Infatti i monaci coltivavano frumento e vite, i contadini lavoravano la terra in cambio di farina e crusca.
Pensate che i contadini pagavano il fornaio una volta al mese e che quest’ultimo era tenuto per legge a consegnare pane ben cotto: se il fornaio non cuoceva bene il pane, allora era obbligato a rifare l‘infornata e a risarcire i clienti.

Da leggere: Una friggitrice per l’igiene.

Da guardare…